Atac: No ad abusi a Cinque stelle per evitare referendum

Dichiarazione di Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani, e Alessandro Capriccioli, segretario di Radicali Roma, promotori del referendum "Mobilitiamo Roma":
 
Se l'ipotesi riportata oggi dai quotidiani fosse fondata e la giunta Raggi decidesse di procedere a un nuovo affidamento in house ad Atac o a una proroga dell'attuale, sarebbe un atto gravissimo e irresponsabile. 
Innanzitutto, dopo la firma di oltre 33 mila firme cittadini a sostegno del nostro referendum per la messa a gara del servizio, saremmo di fronte alla sconfessione definitiva della centralità della partecipazione popolare e della democrazia diretta che in modo spudorato il movimento di Grillo e Casaleggio continua a rivendicare come propria ragione d'essere. 
 
Una decisione del genere rivelerebbe, infatti, la chiara intenzione della giunta Cinque stelle di evitare il voto referendario, il che sarebbe inammissibile dal punto di vista giuridico, o di depotenziarlo, raggirando così i cittadini che hanno chiesto di esprimersi su una questione fondamentale per la qualità della vita nella Capitale. Richiesta di cui, con ogni evidenza, il M5S ha paura. 
 
Sarebbe gravissimo, inoltre, perché per l'ennesima volta, in continuità con le precedenti amministrazioni, si farebbe prevalere l'interesse di un'azienda sul diritto di 3 milioni cittadini a un servizio pubblico decente e sulla necessità di rilanciare Roma come capitale europea. 
 
Infine, nell'attuale situazione, la scelta ventilata presenterebbe diversi profili di illegittimità rispetto al diritto europeo e a quello nazionale. Sarebbe interessante vedere, dunque, quali consiglieri comunali si assumerebbero la responsabilità amministrativa ed erariale di ratificare con il proprio voto una decisione simile.

 
Atac: No ad abusi a Cinque stelle per evitare referendum
Tagged on: