Migranti: attivisti incatenati a ingresso Ministero dei Trasporti, Magi e Manconi invitati a mediare chiedono incontro a Toninelli

All’alba di oggi più di 50 attivisti, in supporto delle Ong impegnate nei salvataggi in mare, si sono incatenati alla scalinata di ingresso del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in Via Nomentana a Roma per manifestare in modo pacifico e nonviolento contro la politica dell’attuale Governo che, nell’immobilismo degli altri paesi europei, sta causando l’aumento esponenziale delle morti in mare. Dall’inizio dell’anno sono oltre 1000 le persone che hanno perso la vita nel tentativo di raggiungere le coste europee.

Gli attivisti, con indosso giubbotti di salvataggio e salvagenti, hanno srotolato uno striscione con la scritta “Naufragi di Stato”. Riccardo Magi insieme a Luigi Manconi, invitati questa mattina a mediare, hanno chiesto un incontro al ministro Toninelli, competente per ciò che concerne il governo dei porti italiani.

Presenti davanti al ministero anche Antonella Soldo, Presidente di Radicali Italiani e Simone Sapienza, segretario di Radicali Roma.

Le richieste degli attivisti al Governo italiano e alle Istituzioni europee sono in buona parte le stesse contenute nella proposta Welcoming Europe – Per un’Europa che accoglie: l’iniziativa dei cittadini europei che vi invitiamo a firmare QUI.

Migranti: attivisti incatenati a ingresso Ministero dei Trasporti, Magi e Manconi invitati a mediare chiedono incontro a Toninelli
Tagged on: