Rifiuti: Virginia Raggi deve risposte ai cittadini da 2 anni

"Dopo l'incontro di oggi con il ministro Costa, Raggi si è detta soddisfatta di 'queste riunioni serrate della cabina di regia perché i romani aspettano risposte': ma davvero la sindaca non sa che il caos rifiuti dipende da lei e dalla sua amministrazione? Davvero crede che arriverà un deus ex machina a rimettere le cose a posto senza che lei si assuma alcuna responsabilità? Davvero crede che a dover dare conto ai romani sia qualcun altro?". Così in una nota Alessandro Capriccioli, consigliere regionale del Lazio di +Europa Radicali, e Massimiliano Iervolino, vicecoordinatore di +Europa e membro di direzione di Radicali Italiani.
"Il ministro Costa ha parlato dell'importanza di incrementare la raccolta differenziata, tema delicato su cui c'è un accordo trasversale. Ma sarebbe importante sottolineare che da quando governa il Movimento 5 stelle a Roma la differenziata è aumentata del 2-3%, percentuale che ci tiene ancora molto lontani dal 65% previsto dalla legge. Oltre a questo, c'è l'enorme questione dell'indifferenziata ancora sospesa e che va affrontata al più presto, perché dalle carenze in questo senso dipende l'invasione dell'immondizia sulle strade dalla capitale: non è uscita una parola oggi su questo tema. Al netto di tutto, sembra di constatare che, ancora una volta, è stata fatta demagogia su un argomento che, più di altri, meriterebbe soluzioni concrete e immediate".
Rifiuti: Virginia Raggi deve risposte ai cittadini da 2 anni
Tagged on: