fbpx

La proroga delle licenze per le bancarelle è illegittima e incoerente

“La scelta dell’Amministrazione comunale di prorogare le concessioni per le bancarelle è giuridicamente illegittima, sbagliata, poco coraggiosa e incoerente” così in una nota Leone Barilli e Francesco Mingiardi, rispettivamente segretario e presidente di Radicali Roma. 
“La decisione è illegittima perché la proroga è contraria al diritto europeo: sul punto la Commissione europea è stata chiarissima, tra l’altro giusto un anno fa, nel dare riscontro ad una segnalazione di Radicali Italiani. Il diritto dell’Unione è sovraordinato e la pubblica amministrazione deve attuarlo disapplicando ogni norma interna contraria. La proroga è poi sbagliata perché mortifica le potenzialità della città, il ricambio generazionale e il progresso per privilegiare i soliti noti, mortificando i principi di trasparenza e parità di trattamento. È incoerente infine perché tratta situazioni identiche in maniera differente. Anche per le concessioni balneari il legislatore si ostina a prevedere proroghe dopo proroghe contro il diritto dell’Unione. Eppure, in quel caso, il l’Amministrazione ha deciso di fare le gare, seppur con molti se e molti ma. Oggi fa la scelta diametralmente opposta disimpegnandosi con lo scaricabarile sul legislatore regionale e nazionale. Il fatto che entrambi abbiano sbagliato avrebbe dovuto costituire la motivazione della svolta: accordarsi a decenni di scelte sbagliate la dice lunga sul ‘coraggio’ di questa amministrazione”.
La proroga delle licenze per le bancarelle è illegittima e incoerente
0 Condivisioni
Tags: