fbpx

Riunione Radicali Roma 2 dicembre 2014

Le “autorità magistrali” riconquistano centralità alla riunione settimanale dell’associazione: un nuovo nostro ricorso alla Commissione europea è stato depositato ieri in merito ad ATAC e al mancato rispetto dei principi di concorrenza e trasparenza; sulle direttive riguardanti le concessioni demaniali si sta muovendo il Governo italiano con sconti a chi non ha pagato ma anche con l’anticipazione di tre anni (al 2017) delle proroghe previste (2020) dall’ultima “Finanziaria”; la Corte dei Conti riceverà una integrazione (per cui stasera raccoglieremo le firme) al nostro esposto del maggio scorso riguardante il danno erariale prodotto dalla mancata raccolta differenziata a Roma; last but not least, anche il nostro lavoro verso la chiusura dei campi Rom è oggetto del dibattito nazionale e sovranazionale.

La faccenda dell’obiezione di coscienza nella regione Lazio assume dimensioni preoccupanti, tanto da costringere a interrompere il pubblico servizio presso uno dei più grandi ospedali universitari d’Europa: il Policlinico Umberto I.

Si avvicina, intanto, la nostra Assemblea annuale e sono già numerosi gli ospiti e i compagni della galassia radicale che hanno preannunciato la loro presenza.

Stasera, come ogni martedì, ci vediamo a Torre Argentina alle 20.30, per dibattere su questo ricco ordine del giorno.

Vi aspettiamo,
Paolo

Riunione Radicali Roma 2 dicembre 2014
0 Condivisioni
Tags: