Atac: Meleo chieda a cittadini se con TPL romano si divertono quanto lei

Dichiarazione di Riccardo Magi e Alessandro Capriccioli, rispettivamente segretario di Radicali Italiani e Radicali Roma:

L'Assessore alla Mobilità Linda Meleo che giudica divertente la nostra iniziativa referendaria chieda ai romani se si divertono a sottoporsi quotidianamente al supplizio dei trasporti pubblici della Capitale. Poi si prenda magari la briga di leggere il quesito, così scoprirà che col referendum "Mobilitiamo Roma" noi Radicali non proponiamo la privatizzazione dell'Atac (cioè la vendita dell'azienda ai privati), ma la liberalizzazione del servizio, cioè la sua messa a gara: gara alla quale nulla vieta che partecipi la stessa Atac, se e nella misura in cui sia nella condizioni di assicurare gli standard di qualità necessari ai cittadini per assicurare loro una mobilità efficiente. 

La reazione dell'assessore rivela in modo illuminante la confusione che da troppo tempo regna in Campidoglio e di cui anche l'Amministrazione a cinque stelle è preda: il Comune invece di occuparsi di programmare e controllare un servizio pubblico nell'interesse di tutti i cittadini, si preoccupa di gestire un'azienda che è una gallina dalle uova d'oro per la politica ma non per i romani.

Il nostro referendum mira invece a restituire al Comune il ruolo di programmazione, regolazione e controllo del servizio che gli compete. Per questo l'Assessore dovrebbe accogliere con favore l'iniziativa e anzi sottoscrivere il quesito insieme alle centinaia di romani che in queste prime ore di raccolta lo stanno firmando, mostrando di comprendere cio che sfugge all'assessore.

Invece dell'ironia infondata, dalla Giunta e dal Consiglio pentastellato ci aspettiamo un impegno a favorire la partecipazione dei cittadini mettendo a disposizione i canali di informazione istituzionali e gli autenticatori per le sottoscrizioni. O dobbiamo credere che fossero loro piuttosto a fare propaganda quando parlavano di partecipazione popolare?

Atac: Meleo chieda a cittadini se con TPL romano si divertono quanto lei
Tagged on: