Capriccioli in visita a Rebibbia, per non dimenticare diritti detenute

"Oggi, nel giorno in cui si celebra la Giornata Internazionale della Donna, sono stato in visita al carcere femminile di Rebibbia. Avere a cuore i diritti delle donne significa anche non dimenticarsi dei diritti delle detenute, e tra loro di quelle che sono costrette a scontare la pena insieme ai loro bambini". Così in una nota Alessandro Capriccioli, capogruppo di +Europa Radicali al Consiglio regionale del Lazio. 
"Nel ribadire che queste situazioni delicatissime andrebbero gestite in luoghi diversi dal carcere, replicando e moltiplicando la positiva esperienza di strutture come la casa di Leda, resto convinto che istituti come quello di Rebibbia femminile, nel quale la detenzione è accompagnata da percorsi lavorativi e formativi, rappresentino esempi da seguire per fare in modo che la funzione rieducativa della pena sia realmente efficace.
Sono queste attività, insieme alle misure alternative purtroppo del tutto scomparse dalla riforma dell'ordinamento penitenziario, che occorrerebbe potenziare per ottenere dei risultati, anziché gridare in modo propagandistico alla decuplicazione delle pene".
Capriccioli in visita a Rebibbia, per non dimenticare diritti detenute
Tagged on: