fbpx

A Roma una struttura per chi è in stato vegetativo

Finalmente una struttura per chi vive in stato di coma persistente e non può essere assistito a domicilio. E’ stata inaugurata oggi a Torre Spaccata Casa Iride la prima realizzata da un Comune in Italia grazie alla collaborazione dell’assessorato regionale alla Sanità e la Asl RmB. Ampie stanze che accoglieranno i pazienti con i loro familiari e spazi dedicati alla fisioterapia. La struttura offrirà poi un importante servizio a tutti coloro che assistono i proprio cari a casa grazie a uno sportello che sarà gestito dall’associazione Risveglio. “Questa è una iniziativa – ha detto il sindaco di Roma Walter Veltroni durante l’inaugurazione – in cui hanno funzionato diversi aspetti e la rete tra le istituzioni. Era necessario accendere i riflettori su una situazione ai margini perché anche se ci fosse solo una persona a vivere in stato vegetativo, per noi sarebbe un problema. Spero che questa iniziativa sia presa ad esempio a livello nazionale perché è necessario fare tutto quello che si può fare”. Veltroni ha poi aggiunto: “Penso che il sistema sanitario italiano sia molto meglio di quel che generalmente si dice. In confronto con altri paesi, accoglie e cura anche quelle persone le cui carte di credito non sono dorate”.

UN PROBLEMA REALE – Nel 2006 erano 247 le persone in coma profondo e 29 in stato vegetativo, nel 2007 56 e 6. “Per loro, che vivono situazioni ai margini del sistema sanitario assistenziale – ha detto l’assessore regionale alla Sanità Augusto Battaglia – ora comincia un percorso nuovo”.

A Roma una struttura per chi è in stato vegetativo
0 Condivisioni