fbpx

Dal Comune 1milione per il lavoro dopo il carcere

Un milione di euro è la cifra che il Comune di Roma destinerà alle nuove imprese costituite da persone in carcere o alle imprese gia’ esistenti che decideranno di procedere a nuove assunzioni riservate a detenuti, ex detenuti e condannati a misure alternative. L’iniziativa è stata presenta oggi in Campidoglio dal sindaco di Roma, Walter Veltroni, dall’assessore alle periferie, sviluppo locale e lavoro, Dante Pomponi, e dal vicecapo del Dap (Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) Armando D’Alterio.

Al bando, pubblicato da oggi, potra’ concorrere qualsiasi tipo di attivita’ economica fino all’esaurimento dei fondi disponibili. Potenzialmente interessati, tra gli altri, i beneficiari dell’indulto: nella provincia di Roma sono 1.245 le persone uscite, mentre restano reclusi negli istituti penitenziari romani 2.273 detenuti di cui 246 donne e 989 stranieri.

”Questo bando – ha esordito Veltroni – vuole garantire una prospettive di lavoro a chi ha avuto una esperienza di detenzione e vuole reinserirsi nella societa’, e rientra in quello che noi chiamiamo il fare rete in citta’. Non solo forze dell’ordine, non solo numeri ma anche iniziative che riguardano il tessuto sociale e siano mirate all’integrazione. Questo bando ha un valore sociale – ha concluso – perche’ rivolto a persone con un difficile passato e rappresenta una polizza sulla sicurezza della comunita’ ”.

L’assessore Pomponi ha ricordato che ”ogni impresa potra’ ricevere massimo 100 mila euro di finanziamento. Il nostro messaggio e’ chiaro, lavorare in carcere non serve solo mantenere in piedi la struttura carceraria ma avvia un percorso che accompagna l’attivita’ lavorativa dei detenuti anche fuori, consentendo loro di trovare un posto nella societa’. Un altro pezzo di carcere esce e va in citta’ – ha concluso – e un pezzo di citta’ entra nel carcere.

Dal Comune 1milione per il lavoro dopo il carcere
0 Condivisioni
Tags: