fbpx

LA CHIESA ITALIANA SMETTA DI FAR LA MOSCA COCCHIERA DELLO SFASCIO NAZIONALE. O SI PREPARI ALL'ABROGAZIONE DEL CONCORDATO.

SOMMARIO: Passate le elezioni [amministrative, n.d.r.], deplora che la Chiesa italiana e il card. Ruini si siano comportati da “mosche cocchiere del regime e del disastro italiano”. Qualora la Chiesa volesse rivendicare titoli “giuridici e legali” per intervenire, sarebbero maturi i tempi per l’abrogazione del Concordato.

(NOTIZIE RADICALI agenzia, 14 dicembre 1992)

 

Ora che si e’ votato, e non si rischia di addebitare le mie critiche alla Chiesa italiana a preoccupazioni elettorali egoistiche, va detto chiaramente al cardinale Ruini, ai consiglieri di Giovanni Paolo II che ne ispirano la politica italiana, ai vari cardinali e don Abbondio del neo-temporalismo che è bene (per loro stessi e per tutti) cessino di fare le mosche cocchiere del regime e del disastro italiano.

Il fatto che i credenti manifestamente rifiutano di credere nel loro magistero politico dovrebbe bastare per chi è maestro di realpolitik, anche se dovrebbe esserlo d’altro.

Continuare a sostenere che la fede debba deterministicamente tradursi in identici o convergenti giudizi e comportamenti politici significa immiserirla, esporla alla certezza dello sfruttamento mondano. Continuare a pretendere di avere titoli, anche giuridici e legali, per interferire in quanto Chiesa e Chiesa italiana nell’autonomia della vita civile ed istituzionale, significa accelerare i tempi perchè si giunga alla abrogazione del regime concordatario.

 

 Argomenti correlati:agenzia chiesa cattolica

LA CHIESA ITALIANA SMETTA DI FAR LA MOSCA COCCHIERA DELLO SFASCIO NAZIONALE. O SI PREPARI ALL'ABROGAZIONE DEL CONCORDATO.
0 Condivisioni
Tags: