fbpx

Rebibbia, il call center entra in carcere

Risponderanno direttamente dal carcere di Rebibbia 40 operatori Telecom del servizio 1254. L’iniziativa, promossa dal presidente Marco Tronchetti Provera con l’appoggio del ministero della Giustizia, è stata realizzata nel carcere romano dopo la sperimentazione nel penitenziario milanese di San Vittore. I lavoratori, carcerati selezionati dai dirigenti dell’istituto di pena, potranno gestire 2500 chiamate al giorno e saranno pagati alla pari di tutti gli altri dipendenti dell’azienda.
L’idea era venuta all’amico di Marco Tronchetti Provera nonché patron dell’Inter Massimo Moratti e ieri il ministro della Giustizia Clemente Mastella ha strappato a Provera la promessa di portare l’esperimento anche al sud, nel carcere di Poggioreale.

Rebibbia, il call center entra in carcere
0 Condivisioni
Tags: