fbpx

A Roma manca un piano per arginare povertà ed emergenza abitativa

"A esattamente un mese dallo sgombero dell’insediamento del Foro Italico, ieri è stato smantellato l’accampamento presente da qualche mese in Viale Pretoriano. Sotto le Mura Aureliane avevano trovato riparo una ventina di persone senza fissa dimora o che erano già state sfollate da altri campi informali, generando disagi e lamentele da parte dei residenti della zona. Come al solito, non è stata prospettata loro nessuna alternativa. Anche loro cercheranno un nuovo punto della città in cui accamparsi". Così in una nota Francesco Mingiardi, segretario di Radicali Roma.
"Ciò accade perché non si vogliono affrontare strutturalmente questioni come l’emergenza abitativa o la povertà urbana. Che nella capitale di un paese avanzato le persone debbano vivere in condizioni tanto disumane è incredibile ed è intollerabile l’ostinazione con cui ci si impegna a non risolvere le cose. Neanche durante una pandemia ci si preoccupa di garantire un tetto a chi non lo ha. L’unica strategia messa in campo si riduce semplicemente alla distruzione, mai alla costruzione di qualcosa. Eppure le soluzioni ci sarebbero, ma evidentemente non interessano, non fanno notizia, non creano consenso. Meglio nascondere il problema da una parte aspettando che si crei da un’altra per ricominciare daccapo ancora e ancora. Mentre si continua a soffiare sull’odio, sull’intolleranza, sulla percezione di insicurezza".
A Roma manca un piano per arginare povertà ed emergenza abitativa
0 Condivisioni