fbpx

Staminali dall'embrione riparano il cuore

  Che il cuore («infranto», come succede qualche volta dopo un infarto) si possa riparare con le cellule staminali è verosimile. E’ questione di tempo. Ma con quali cellule? Staminali adulte? Si è provato, con l’idea che potessero trasformarsi in cellule del cuore. Ma le staminali adulte non si trasformano in cellule del cuore, e nel cuore durano poco. In qualche caso si fondono con le cellule del cuore.

Ma nessuno sa cosa succede nel tempo. Perché allora non provare con le embrionali? E’ quello che hanno fatto Claudine Ménard e altri ricercatori francesi (il lavoro è sul Lancet di questi giorni). Qualche volta dopo l’infarto le cellule del cuore perdono la capacità di contrarsi, e il sangue ristagna nel cuore: è quello che i medici chiamano scompenso di cuore. Quanti ne soffrono? 10 milioni solo in Europa, un milione in Italia.  I ricercatori francesi hanno visto che cellule embrionali di topo trapiantate nel cuore di pecore con l’infarto riparano l’area danneggiata, e la funzione del cuore migliora.Qualcuno obietterà che le cellule embrionali tendono a formare tumori. Non è stato così forse perche erano cellule di topo trapiantate in un’altra specie. Proprio per questo, si dirà, queste cellule, prima o poi verranno rigettate. No, non c’è stato nessun rigetto.

Le cellule embrionali trapiantate nel cuore, pian piano perdevano la loro natura e cominciavano a battere proprio come le cellule del cuore. Il lavoro dei francesi conferma che le cellule embrionali possono essere usate per riparare il cuore, più e meglio di quanto si sia riusciti a fare finora con le cellule adulte che hanno fra l’altro dei problemi, ci sono stati casi di trombosi e anche di turbe del ritmo cardiaco. Insomma, a riparare il cuore con le cellule adulte si corre qualche rischio.Servono altri studi (negli animali s’intende). Come quelli fatti da ricercatori dell’Università Johns Hopkins di Baltimora che hanno iniettato nel cuore di maiale certe cellule staminali — adulte — prese dal midollo osseo (i medici le chiamano cellule mesenchimali). Questo è bastato per prevenire lo scompenso. I ricercatori hanno annunciato che useranno queste stesse cellule per curare l’infarto dell’uomo. Prima e dopo l’infusione di cellule (che avverrà in una vena periferica, e le cellule troveranno da sole la strada del cuore) si faranno studi di risonanza magnetica. Serviranno a capire se davvero queste cellule riparano il cuore e lo aiutano a contrarsi. Ma allora, embrionali o adulte? Per stabilire se le cellule staminali adulte siano peggio o meglio di quelle embrionali, l’unico modo è compararle fra loro, cosa che finora non è mai stata fatta. Serve in una parola poter lavorare con cellule embrionali. Che non è creare embrioni in laboratorio, ma utilizzare gli embrioni che ci sono già, e che se no vengono buttati.Si può anche usare il sistema dei ricercatori coreani che partendo dalle cellule della cute hanno ottenuto linee cellulari trasferendo il nucleo delle cellule della pelle in un ovocita (non fertilizzato beninteso), che prima era stato privato del suo nucleo. Problemi etici? Non pare ce ne debbano essere. L’ovulo non è fertilizzato. «Contiene, si dirà, materiale genetico». Sì, come tutte le nostre cellule. Come le cellule del rene e del fegato. E ci sono donatori, viventi, di fegato e rene che lo fanno per curare un loro caro. E perché non donare un ovulo, il giorno che sarà dimostrato che può curare la malattia di tuo padre o di tuo figlio?Ci saranno polemiche, ma, man mano che le conoscenze avanzano, si assopiranno. Se un giorno davvero il cuore dell’uomo potrà essere riparato con le cellule staminali se ne avvantaggeranno prima gli ammalati dei Paesi più lungimiranti (nell’avere buone leggi e nell’ aver investito in tempo in ricerca).Gli ammalati con lo scompenso di cuore (quelli che se lo possono permettere) dall’Italia andranno a farsi curare lì. Dopo un po’ queste cure ci saranno anche da noi. Nel frattempo qualche ammalato che avrebbe potuto guarire morirà.E’ già successo, tanti anni fa, con il vaccino per la poliomielite, e si sarebbe potuto evitare. 

Staminali dall'embrione riparano il cuore
0 Condivisioni