fbpx

Taxi, confermati gli accordi di luglio: 2500 auto in più

Un documento di tre pagine: è questo il risultato dell’acceso confronto tra i tassisti della Capitale, protrattosi per oltre dieci ore.
Da settembre saranno 2.500 i taxi in piu’ a Roma. Saranno cosi’ distribuiti: 1.000 la mattina, 1.000 il pomeriggio e 500 la sera. A settembre sara’ presentata una delibera comunale che prevede un pacchetto di iniziative da concertare con i tassisti: tra queste, la tariffa unica dal centro di Roma a Fiumicino a circa 40 euro e la questione dei sostituti alla guida per coprire piu’ turni.
Un capitolo a parte, da concordare anche con le Fs, sara’ dedicato alla stazione Termini dove e’ prevista la riorganizzazione del servizio con piu’ auto ma anche piu’ posteggi per ospitarle. E’ stato chiesto inoltre ai tassisti di far salire sulle auto anche i clienti che non abbiano prenotato il taxi con una telefonata. In piu’ i tassisti si impegneranno a sciogliere i turni in presenza di eventi speciali, come ad esempio La Notte bianca. Il Comune, invece, da parte sua, si impegnera’ ulteriormente nella lotta all’abusivismo, installera’ cordoli nelle corsie preferenziali e mettera’ in campo azioni per aumentare la velocita’ commerciale. Sempre in linea con l’obiettivo di sconfiggere il fenomeno degli abusivi, è previsto un albo regionale degli Ncc, ovvero i noleggio con conducente: il Comune di Roma ha fatto propria la richiesta dei tassisti e condivide l’idea che potrebbe rappresentare uno strumento di riordino. Le province sarebbero così obbligate a stilare una nuova riprogrammazione che stabilisce, in base al numero dei residenti, la quota degli Ncc.

Tra i punti che i tassisti hanno richiesto ed hanno ottenuto anche il fatto che negli alberghi saranno affisse delle locandine con tutte le informazioni in merito al funzionamento del servizio taxi a Roma.

Tra le novita’ anche il fatto che i turni integrativi potranno essere effettuati attraverso l’applicazione della legge
Bersani (che prevede l’utilizzo di collaboratori familiari, sostituti alla guida e dipendenti) ma anche tramite l’estensione dei turni da parte dei titolari di licenza. I turni ordinari passeranno dalle 7 ore e 30 alle 8 ore. Tutto questo per una durata di sei mesi, alla scadenza dei quali le parti si incontreranno nuovamente per fare il punto della situazione.

Nel verbale della riunione si legge anche che “per la tariffa predeterminata si stabilisce che in via sperimentale, all’interno delle mura Aureliane, il prezzo da e per l’aeroporto di Fiumicino sia di 40 euro mentre per Ciampino di 30”.

Il comune di Roma, sempre stando alle richieste avanzate, dovrebbe rendere noti, attraverso una campagna pubblicitaria rivolta ai cittadini, i punti dell’accordo e disporre l’obbligo da parte degli alberghi di esporre all’interno le tariffe pattuite.

Taxi, confermati gli accordi di luglio: 2500 auto in più
0 Condivisioni
Tags: